CAPITOLO 16: Dettagli – Parte III – Trama

hd-texture-sand-mit-meeresschnecken-13LR0355SPROLOGO: “Guardi una spiaggia, e cosa vedi?… “

16.1: TUTTE LE STRADE PORTANO ALLA TRAMA
… probabilmente la prima cosa che noteresti sono le onde in movimento e la gente che nuota, ma poi ti farai più attento, e nuovi dettagli si disegneranno come riflessi nei tuoi occhi: le conchiglie sulla spiaggia e le loro forme, le barche che navigano all’orizzonte, dove il mare si allarga e fa spazio all’infinito, e i gabbiani nel cielo, intenti a vivere nel loro universo, indifferenti allo scorrere della vita umana. Tutti questi dettagli hanno una loro storia alle spalle, un susseguirsi di eventi che quel determinato giorno, in quel determinato momento, hanno portato voi ad incrociarvi con loro. Scoprireste quindi che non è frutto del caso se quello che state guardando sia nella condizione di essere effettivamente “lì”, ma che anzi, ha una propria epopea. Un punto d’inizio, da cui è partita una vicenda, che non si fermerà quando distoglierete lo sguardo, ma che continuerà fino ad arrivare ad un epilogo. In questo ultimo atto del trittico, parleremo proprio di questo, dei dettagli che caratterizzano la: Trama. Continua a leggere

Annunci

CAPITOLO 15: Dettagli – Parte II – Ambientazione

CatturaPROLOGO: “Questo piccolo grande mondo

Inauguriamo oggi, dopo una lunga pausa di riflessione e un paio di festicciole di poco conto nel mezzo (suvvia, che volete che siano Natale e Capodanno? :D) la seconda annata del blog, riprendendo il tema che ci eravamo ripromessi di continuare alcuni mesi fa.

I dettagli in una storia, come abbiamo già detto, sono parte fondamentale del processo di scrittura del nostro racconto, e saperli contestualizzare correttamente è un’arte che va perfezionata giorno per giorno al fine di far risaltare quella trama che altrimenti non avrebbe altro modo di distinguersi dalla grande palude dei lavori dilettanteschi.
L’ultima volta vi ho insegnato a trattare coi Personaggi, ma neppure il più azzeccato dei profili saprebbe trovarsi a proprio agio senza una scenografia degna del suo scopo,che sappia accoglierlo facendolo sentire a casa. Mettetevi quindi comodi, perché oggi inizieremo a parlare di: Ambientazione!
Continua a leggere

CAPITOLO 14: Dettagli – Parte 1 – I personaggi

Senza titolo-1PROLOGO: “Lo scrittore è colui che da importanza alle inezie”

Ed è con questa celebre frase dello scrittore russo Vladimir Nabokov (non ve lo nascondo che me la farei più che volentieri tatuare sulla natica destra) che apriamo l’argomento di oggi, il primo di un nuovo trittico dedicato ai dettagli in una storia.
L’idea è nata da una mia esperienza recente, in cui mi è capitato di leggere un paio di scritti di alcuni giovani autori che mi hanno chiesto la loro opinione sulle proprie storie. In entrambi i casi, anche se su livelli differenti, ho potuto notare un denominator comune che può essere espresso come: carenza di innovazione.
Ora, se è pur vero che oramai è impossibile innovare da zero, poiché tutto è già stato narrato, saper infondere la giusta varietà di sottigliezze nelle varie sfumature della storia costituisce un’altra di quelle importanti tecniche che dovrete padroneggiare per giungere alla riuscita della vostra storia.
Nel post di oggi, in particolare, ci focalizzeremo sul processo di composizione dei dettagli di un personaggio, che magari vi potrà sembrare una noia, o una ripetizione di quanto abbiamo già visto nei precedenti capitoli (Personaggi e Protagonisti). Per certi versi lo è, ma fidatevi, quello che imparerete oggi cambierà completamente la vostra visione delle cose. Magari mi ringrazierete anche (che ne dite di ricambiare promuovendo il blog e la nostra pagina facebook, eh? :D)!
Dicevamo…
Continua a leggere

CAPITOLO 13: Il mistero

MISTPROLOGO: “Perché il fascino è non sapere”

13.1: Il mistero, questo sconosciuto
Diciamocelo pure a gran voce e senza tema di vergogne: tutti noi sappiamo che è bello non sapere!
Possiamo paragonare il Mistero nelle storie come il sale nelle pietante: le mangereste senza? (astenersi commenti se siete patiti della dieta iposodica!)
Un buon racconto è sempre caratterizzato da un pathos coinvolgendo (e se ve lo state chiedendo, no, non significa “pavimento” in serbo), che a sua volta è un insieme di vari fattori che contribuiscono a tenere incollato il lettore alla trama: grande protagonista, buoni comprimari, trama originale, e tra questi, soprattutto, il Mistero! Quel fattore che ti spinge a voler scoprire la verità, a conoscere i retroscena. Quello che se ben riuscito vi stampa un sorriso sulle labbra o magari vi sloga la mascella dallo stupore (e se avete mai seguito il telefilm LOST, saprete di che parlo)!
Bene o male tutti gli autori sono capaci di piazzare qualche colpo di scena di tanto in tanto, ma quello che vi chiedo è: siete davvero sicuri di conoscerne fino in fondo tutte le sfacettature? Davvero credete che la storia che state scrivendo abbia giocato tutte le carte del vostro mazzo? Oppure siete inciampati su qualche buccia di banana non vedendo  quel piccolo Jolly che magari era comodamente riposto sul tavolino di fianco a voi?
Addentriamoci allora nelle ombre del Mistero (ho la febbre dei giochi di parole oggi) e cerchiamo di scoprirlo insieme! Continua a leggere

CAPITOLO 12: Pensare il fumetto

pensare_fumetto_new PROLOGO: “Manuale pratico di sceneggiatura”

Vengo oggi a presentarvi una nuova pubblicazione per la nostra Biblioteca di Write TUgether, dove potete trovare ottimi manuali per impratichirvi sempre di più nell’arte dei conta-storie!

Il libro che vi presento oggi è “PENSARE IL FUMETTO”, scritto nel 1999 da Bruno Concina, che qualcuno di voi potrebbe ricordare per alcune sue storie da “Topolino” e altre pubblicazioni Disney.

Si tratta, in soldoni, di un simpatico manualetto per la scrittura di sceneggiature da destinare a fumetti, che nei contenuti potrebbe magari non presentarsi troppo diverso dal lavoro di Syd Field (vi ho parlato di lui nell’articolo sulla “Sceneggiatura”), ma che in più vi elargisce delle dritte su concetti prettamente legati ai comics (quanti di voi conoscono il significato di “closure”?) e lo fa con uno stile divertente è leggero, ma soprattutto molto chiaro. Continua a leggere

CAPITOLO 11: Il Protagonista – la base

1238853-the_heroic_age_iamanavengers_02PROLOGO: “Diamo un volto all’eroe”

11.1 La rivalsa dei perdenti
L’ultima volta abbiamo parlato dei personaggi in un’ottica più generica del termine.

Abbiamo visto per esempio quali sono le basi per crearne uno e quali sono le regole fondamentali per far sì che funzioni all’interno della storia, ma ci rimaneva ancora da trattare sulla figura più importante di tutte, quella che a rigor di logica è la prima a cui bisogna pensare e la prima che di solito si genera nel processo di scrittura: Il Protagonista. Continua a leggere

CAPITOLO 10: Il Personaggio – la base

character_profile_boyPROLOGO: “Diamo un volto alla storia”

10.1: Preparare un personaggio
Ogni storia per poter funzionare ha bisogno di uno o più personaggi che reggano il filo della trama e su questo non ci piove, così come non ci piove che ogni mese delle simpatiche bollettine precompilate ci ricordano prontamente che dobbiamo pagare le tasse.
Ma come si costruisce un personaggio di una di una storia? E’ sufficiente mettergli un nome e lanciarlo nel vivo dell’azione, oppure il processo richiede qualche passaggio in più?

Chi segue questo blog da più tempo sa che il nostro obbiettivo non è tanto rivolgerci agli scrittori più avvezzi, che oramai già padroneggiano la tecnica e si permettono anche di sperimentare formule di ogni tipo, ma attirare l’attenzione di coloro che alle loro prime armi con la scrittura corrono il rischio di… incorrere (perdonate il gioco di parole) negli errori più comuni su questo aspetto del processo della stesura. Ecco perché il capitolo di oggi si focalizzerà sulle: Basi di un personaggio.
Continua a leggere

CAPITOLO 9: “La revisione del testo (parte 3)” / AKA Leggere è importante!

leggerePROLOGO: “Saper leggere per saper correggere”

9.1: Il “manubrio” del buon scrittore.
Abbiamo visto che un buon racconto è spesso determinato da una buona revisione, e anche che spesso rileggere più volte può fare la differenza altrettanto quanto lo può fare la prima correzione. Ma cos’è che può insegnarci a correggere davvero come si DOVREBBE? Se un culturista deve sollevare quintali di pesi per pomparsi i bicipiti di cui fare bella mostra di sé nelle palestre di quartiere, cosa deve fare uno scrittore per migliorare il proprio stile e quindi la propria revisione?

Beh, la risposta è una sola, e molti saranno d’accordo con me: Leggere!  Continua a leggere

CAPITOLO 8: “La revisione del testo (parte 2)”

editing_revisione_testiPROLOGO: “Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. Perché nella vita non si è mai troppo prudenti”

8.1 Ricordate: è importante correggere!
E con quest’introduzioni imbastita di frasi fatte, introduciamo la seconda parte di quel fondamentale argomento che è La revisione! Avevamo visto la scorsa volta che correggere la storia che state scrivendo è fondamentale per garantire la corretta fluidità che spesso e volentieri ne decreterà il successo. Vi avevo anche detto che i metodi per correggere, come ogni altra cosa nel vasto mondo della scrittura, sono vari e personalizzati a seconda dell’autore. In ogni caso, però, sono tutti finalizzati a un’unico scopo, ossia quello di infondere la miglior prosa possibile al racconto che sta prendendo vita dalle nostre tastiere (o penne, per i meno mainstream).

Quello che vedremo invece oggi più nel dettaglio sono alcune delle fasi fondamentali che un autore che si cimenti con una revisione accurata dovrebbe mettere in atto per assicurarsi la riuscita della correzione, e lo farò presentandovi il MIO METODO!  Continua a leggere

CAPITOLO 7: “La revisione del testo (parte 1)”

errori-di-ortografiaPROLOGO: “Correggete sempre, correggete comunque”

7.1: L’importanza della correzione
Sia che siate Stephen King in persona, o l’ultimo arrivato in un sito di fan fiction, sia che sappiate scrivere una saga leggendaria prendendo come spunto un sasso, o che vi riesce difficile persino ricopiare il testo di una brochure pubblicitaria, se state scrivendo, prima o poi dovrete correggere ciò che avete scritto! Continua a leggere